Chiama T. 030 5356529

Credito d’Imposta 4.0: cosa cambia con il Decreto “Salva-Conti”

E' stato approvato il 26 marzo dal Consiglio dei Ministri il decreto “salva-conti” che introduce importanti novità per il credito d'imposta del Piano Transizione 4.0

Il Governo ha introdotto una significativa novità che coinvolge tutte le imprese che aspirano a beneficiare del credito d’imposta 4.0. Il Decreto “Salva-conti“, in vigore dal 30 marzo 2024, stabilisce che le aziende devono anticipare i relativi importi per poter usufruire del credito. Inoltre, tale comunicazione è richiesta anche per gli investimenti già avviati.

Questa nuova disposizione rende l’ottenimento del credito non più automatico. Le imprese devono comunicare anticipatamente i dettagli degli investimenti per poter beneficiare del credito d’imposta.

La comunicazione deve essere effettuata in via telematica e deve includere l’importo totale degli investimenti, la prevista suddivisione annuale del credito e come sarà utilizzato a partire dalla data di entrata in vigore del Decreto.

Oltre all’introduzione della comunicazione anticipata, il Decreto ha modificato anche la comunicazione postuma già prevista. Questa comunicazione diventerà un aggiornamento della comunicazione anticipata e sarà fondamentale per ottenere il credito d’imposta. I dettagli su tempi e modalità saranno specificati in un futuro decreto direttoriale.

Per gli investimenti effettuati dopo l’entrata in vigore del Decreto “Salva-conti” (dopo il 30/03/2024): comunicazione ex ante ed ex post. Le imprese devono comunicare in anticipo l’importo degli investimenti, la loro prevista suddivisione annuale del credito e come sarà utilizzato.

Per gli investimenti effettuati dal 1º gennaio 2024 fino all’entrata in vigore del Decreto: comunicazione ex post. Le imprese devono presentare una comunicazione telematica una volta completati gli investimenti.

Per gli investimenti effettuati nel 2023: comunicazione sul residuo da utilizzare. Le imprese devono comunicare l’importo residuo da utilizzare per poter compensare i crediti maturati ma non ancora fruiti.

Per effettuare le comunicazioni previste dal Decreto, sarà necessario attendere l’aggiornamento del modello ministeriale da parte del Ministero delle Imprese e del Made in Italy tramite un nuovo Decreto ministeriale.

 

contattaci per maggiori dettagli:

 

innovare.it     –     Mail:  agevolata@innovare.it     –      Tel. 030 5356529 interno 3

Condividi:

C'è un mondo di opportunità che ti aspetta: trovale con noi