Chiama T. 030 5356529
Regione Lombardia

Bando Formare per Assumere

FONDI DISPONIBILI
★ 3/5
COMPLESSITÀ
★ 2/5
MODULISTICA
★ 3/5

Destinatari: aziende con sede legale e/o operativa in Lombardia che abbiano assunto persone prive di impiego da almeno 30 giorni, con contratti a tempo indeterminato, anche in apprendistato, o a tempo determinato di almeno 12 mesi.

Entità contributo:

  1. incentivo occupazionale fino a 9.000 € per neoassunto;
  2. voucher formazione fino a 3.000 € per neoassunto (formazione non obbligatoria per gli apprendisti).

In sintesi
TIPO DI CONTRIBUTO: Incentivo occupazionale, Voucher formativo
TERRITORIO: Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Mantova, Milano, Monza e Brianza, Pavia, Sondrio, Varese
SETTORI: Agricoltura, Artigianato, Commercio, Industria, Servizi, Turismo
DESTINATARI: Artigiani e Commercianti, Grandi imprese, Liberi professionisti, Medie Imprese, Micro Imprese, Piccole Imprese
TIPO DI INVESTIMENTO: Assunzione personale, Formazione
INVESTIMENTI AMMISSIBILI:

Tematiche formative finanziabili: tutte le tematiche ritenute utili per la mansione che il neoassunto andrà a ricoprire, inclusi alcuni percorsi di sicurezza obbligatoria.

ENTITÀ AGEVOLAZIONE:

Incentivo occupazionale fino a 9.000 € + voucher formazione fino a 3.000 € per neoassunto

STATO INCENTIVO:

Bando Aperto
DATA DI APERTURA:
Aperto
DATA DI CHIUSURA:
sino all’esaurimento risorse, entro 13 dicembre 2024.

Condividi / Stampa

Il Bando permette ai datori di lavoro di unire profili e competenze in fase di assunzione, attraverso il finanziamento di percorsi formativi abbinati ad incentivi occupazionali.

Regione Lombardia ha deliberato l’avvio del bando “Formare per assumere“, che si propone di superare la mancata corrispondenza tra domanda e offerta di lavoro, permettendo ai datori di lavoro beneficiari di unire profili e competenze in fase di assunzione, attraverso il finanziamento di percorsi formativi abbinati ad incentivi occupazionali.

  • Lavoratori privi di impiego (di tipo subordinato o parasubordinato) da almeno 30 giorni prima dell’assunzione;
  • lavoratori con contratti a tempo indeterminato, a tempo determinato di almeno 12 mesi (non sono ammesse proroghe o trasformazioni), contratti di apprendistato;
  • lavoratori che NON siano stati fruitori di misure regionali comprensive di medesime agevolazioni o tipologie di servizi (fra cui Programma Garanzia di Occupabilità dei Lavoratori in attuazione del PNRR, Dote Unica Lavoro Fase 4, Garanzia Giovani Fase II o Azioni di Rete per il Lavoro Fase II, Bando Formazione continua a valere sul PR FSE+ 2021-2027; Bando Formare per assumere (prima attuazione) e Incentivi occupazionali) in corso al momento dell’assunzione, oppure conclusa nei 180 giorni precedenti la data di assunzione.

FINANZIAMENTO OTTENIBILE

È stata introdotta la novità del cofinanziamento per le aziende richiedenti, che potranno ottenere un contributo fino al 90%, sulla base della dimensione aziendale.
Per i lavoratori autonomi, i liberi professionisti e le ditte individuali è stata mantenuta la possibilità di beneficiare di un finanziamento pubblico pari al 100%, come di seguito illustrato:

 

TIPOLOGIA CONTRIBUTO

Il contributo è riconosciuto ai sensi del Reg. (UE) n. 1407/201312 nei limiti previsti per gli aiuti di importanza minore (de minimis). La procedura di richiesta del voucher è “a sportello” sino all’esaurimento delle risorse disponibili.

 

TIPOLOGIA CONTRIBUTI

  1. Incentivo occupazionale: incentivo a parziale copertura del costo del lavoro – fino a 9.000 €
  2. Voucher formazione: contributo per la formazione erogata in fase di inserimento – fino a 3.000 €

 

1) Incentivo Occupazionale

L’importo dell’incentivo si differenzia nel seguente modo:

  • uomini fino a 54 anni: € 4.000;
  • donne fino a 54 anni: € 6.000;
  • uomini a partire da 55 anni: € 6.000;
  • donne a partire da 55 anni: € 8.000.

Per contratti di apprendistato, l’importo dell’incentivo si differenzia nel seguente modo:

  • uomini fino a 29 anni: € 1.500;
  • donne fino a 29 anni: € 2.500;
  • uomini a partire da 30 anni: € 4.000;
  • donne a partire da 30 anni: € 7.000.

Per tutte le tipologie contrattuali previste dall’Avviso, agli importi sopradescritti si aggiunge un ulteriore valore di € 1.000 se l’assunzione viene effettuata da un datore di lavoro con meno di 50 dipendenti.
L’incentivo è riconosciuto successivamente al completamento del percorso formativo (qualora previsto) ed è subordinato all’effettività del contratto di lavoro e alla permanenza del lavoratore presso l’impresa per almeno 12 mesi, fatta salva una conclusione anticipata del rapporto di lavoro non addebitabile al datore di lavoro che determini la riparametrazione dell’incentivo.

 

2) Voucher per la formazione
Il voucher per la formazione è riconosciuto, a seguito dell’assunzione, a copertura del costo sostenuto per il percorso formativo, fino un valore massimo di € 3.000, a fronte del servizio fruito e completato e della sottoscrizione di un contratto di lavoro subordinato.
È riconosciuta la formazione da avviarsi entro 90 giorni dalla data di assunzione del lavoratore.
Il percorso formativo deve avere la durata di minimo 40 ore (tranne per i percorsi formativi nell’ambito della sicurezza, che dovranno rispettare la durata prevista dalle normative), e non è obbligatorio per le assunzioni con contratto di apprendistato.

Il contributo è riconosciuto ai sensi del Reg. (UE) n. 1407/201312 nei limiti previsti per gli aiuti di importanza minore (de minimis). La procedura di richiesta del voucher è “a sportello” sino all’esaurimento delle risorse disponibili.

Tutte le spese formative ritenute utili per la mansione che il neoassunto andrà a ricoprire, inclusi alcuni percorsi di sicurezza obbligatoria.

La domanda di finanziamento deve essere presentata esclusivamente online sulla piattaforma informativa Bandi Online all’indirizzo www.bandi.regione.lombardia.it, previo accesso tramite SPID, CNS, CIE.

Documentazione richiesta:

  • Domanda di finanziamento (da firmare digitalmente);
  • Dichiarazione sostitutiva per la concessione di aiuti in “de minimis”;
  • Incarico per la sottoscrizione digitale e presentazione telematica della domanda solo nel caso in cui non sia il Legale rappresentante dell’impresa a presentare la domanda (l’Incarico non può essere conferito ad alcun dipendente del soggetto erogatore del percorso formativo);
  • Certificazione IBAN (da firmare digitalmente) dell’impresa beneficiaria su carta intestata dell’Istituto di credito (ovvero un documento che attesti che l’IBAN inserito a sistema sia effettivamente intestato all’azienda beneficiaria).

La domanda deve essere perfezionata con il pagamento dell’imposta di bollo attualmente vigente di € 16,00 – ai sensi del DPR 642/1972 – o valore stabilito dalle successive normative.
Le domande di concessione dell’agevolazione sono trasmesse e protocollate elettronicamente solo a seguito del completamento delle fasi sopra descritte cliccando il pulsante “Invia al protocollo”.

Per il voucher formativo Il soggetto richiedente è tenuto a trasmettere la domanda di liquidazione del voucher con la documentazione prescritta, attraverso il sistema informativo Bandi Online, entro 6 mesi dalla data di concessione dell’agevolazione, pena la decadenza dell’agevolazione.

Documentazione necessaria:

  • Domanda di liquidazione, sottoscritta mediante apposizione della firma elettronica del legale rappresentante dell’impresa o suo delegato;
  • Copia della fattura/altro documento contabile quietanzato, emessa dall’operatore incaricato dei servizi. La fattura dovrà riportare chiaramente la seguente dicitura: “Spesa sostenuta a valere sull’Avviso pubblico Formare per assumere – Programma Regionale FSE+ 2021-2027”, dovrà contenere indicazione del DDUO di Innova S.r.l. – C.F./P.IVA 12221680965 Sede Legale Milano (MI) – Via Nerino 8 – 20123 Sede Operativa Brescia (BS) – Via Trieste 39 – 25121 Tel. 030 5356529 pubblicazione dell’Avviso e del CUP di riferimento e dovrà riportare l’indicazione della tipologia di servizi forniti (titolo del corso, ID sezione), delle date di erogazione, del codice fiscale del destinatario o dei destinatari coinvolti;
  • Ricevuta di bonifico attestante il pagamento della fattura/altro documento contabile, indicante in maniera inequivocabile il nome della Banca ordinante, il beneficiario del bonifico, l’importo, la causale del versamento riferita al corso fruito. Nella casuale del versamento devono essere specificati i riferimenti al corso (ad es. titolo del corso, ID sezione se disponibile). Il bonifico deve essere in stato eseguito e pertanto non saranno ritenuti validi i soli ordini di bonifico. La quietanza di pagamento dovrà riportare anche l’indicazione del numero di CRO/TRN;
  • Attestato di partecipazione al corso, nel caso di corsi formativi finalizzati all’acquisizione di patentini e/o specifiche certificazioni non presenti su SIUF e per cui l’Attestato di partecipazione non verrà generato automaticamente dal sistema;
  • Incarico per la sottoscrizione digitale e presentazione telematica della domanda di liquidazione, secondo lo schema di cui all’Allegato A.10, esclusivamente per domande di liquidazione presentate da soggetti diversi Legale rappresentante del soggetto richiedente e non individuati come delegati in fase di presentazione della domanda di concessione dell’agevolazione. La fattura relativa ai servizi per la formazione dovrà riportare il costo totale dei servizi per il datore di lavoro e codici fiscali di tutti i partecipanti alle attività relativi allo stesso datore di lavoro. Sarà cura del beneficiario allegare la fattura per ogni singola domanda di liquidazione del voucher relativa al destinatario indicato in fattura. Le domande di liquidazione relative a destinatari i cui riferimenti non sono previsti in fattura non saranno riconosciute Unioncamere Lombardia rimborserà la spesa corrispondente alla quota pro-capite ricavabile dalla fattura, fino ai massimali previsti dall’Avviso (€ 3.000 per domanda).

 

Per le assunzioni effettuate con contratti diversi dal contratto di apprendistato, la formazione è obbligatoria. Per tali assunzioni, pertanto, il soggetto richiedente dovrà procedere alla presentazione della domanda di liquidazione del voucher per la formazione. In caso di mancata rendicontazione o di esito negativo dell’istruttoria relativa alla domanda di liquidazione del voucher per la formazione, l’incentivo occupazionale non potrà essere liquidato.

 

Per l’incentivo occupazionale:

L’incentivo occupazionale viene erogato dietro presentazione della domanda di liquidazione dell’incentivo, e la verifica della documentazione attestante la permanenza di almeno 12 mesi del lavoratore presso il datore di lavoro richiedente. Il soggetto richiedente è tenuto a trasmettere la domanda di liquidazione trascorsi 12 mesi dall’assunzione del lavoratore o, in caso di conclusione anticipata motivata non addebitabile al datore di lavoro, successivamente alla data di conclusione, comunque entro 15 mesi dalla data di concessione dell’agevolazione, pena la decadenza dell’agevolazione.

Documentazione necessaria:

  • Domanda di liquidazione dell’incentivo occupazionale (firmata digitalmente);
  • Buste paga della persona assunta per le 12 mensilità o per il numero di mensilità erogate in caso di cessazione anticipata per motivazione non addebitabile al datore di lavoro;
  • Documentazione attestante l’effettivo e definitivo versamento al lavoratore di tutte le mensilità (bonifici bancari con codice definitivo di avvenuta esecuzione con evidenza della data e dettaglio dell’esito o estratto conto con evidenza del pagamento al destinatario);
  • Documentazione comprovante casi di dimissioni, licenziamento o recesso per giusta causa non addebitabile al datore di lavoro (es. lettera di dimissioni sottoscritta dall’impresa e dal lavoratore, esclusivamente in caso di cessazione anticipata motivata del rapporto di lavoro non addebitabile al datore di lavoro;
  • Incarico per la sottoscrizione digitale e presentazione telematica della domanda di liquidazione, secondo lo schema di cui all’Allegato A.10, esclusivamente per domande di liquidazione presentate da soggetti diversi Legale rappresentante del soggetto richiedente e non individuati come delegati in fase di presentazione della domanda di concessione dell’agevolazione.

 

L’incentivo verrà riparametrato nel caso in cui:

  • l’ammontare dell’incentivo sia superiore alla somma degli importi relativi alle buste paga;
  • vi sia una riduzione dell’orario di lavoro relativo al contratto del destinatario, fermo restando il rispetto del requisito relativo alle 20 ore settimanali medie in caso di contratti a tempo parziale;
  • vi sia stata una conclusione anticipata del rapporto di lavoro non addebitabile al datore di lavoro.

In tal caso l’agevolazione sarà riconosciuta per le mensilità effettivamente erogate, fermo restando la riparametrazione di cui al punto precedente.

Vuoi partecipare? Contattaci

Per richiedere informazioni o partecipare compila il form di seguito. Verrai ricontattato da un nostro consulente.