Chiama T. 030 5356529
Bando Nazionale

SIMEST-Transizione Digitale ed Ecologica con vocazione internazionale

FONDI DISPONIBILI
★ 4/5
COMPLESSITÀ
★ 3/5
MODULISTICA
★ 3/5
In sintesi
TIPO DI CONTRIBUTO: Contributo a fondo perduto, Finanziamento a tasso agevolato
TERRITORIO: Tutte
SETTORI: Tutti
DESTINATARI: Medie Imprese, Piccole Imprese
TIPO DI INVESTIMENTO: Consulenze e servizi, Formazione, Innovazione digitale, Investimenti in beni strumentali, Ricerca sviluppo e innovazione, Transizione ecologica
INVESTIMENTI AMMISSIBILI:

Innovazione digitale, investimenti e consulenze tecnologiche, sostenibilità, internalizzazione, certificazioni

ENTITÀ AGEVOLAZIONE:

Finanziamento agevolato max. € 500.000 e contributo a fondo perduto fino al 10% max. € 100.000

STATO INCENTIVO:

Bando Aperto
DATA DI APERTURA:
dalle ore 9:00 del 27/07/2023
DATA DI CHIUSURA:
fino ad esaurimento risorse
ULTIMO AGGIORNAMENTO:
11/03/2024

Condividi / Stampa

L’Intervento ha la finalità di sostenere la realizzazione di:

  • investimenti digitali per una quota minima pari al 50%;
  • investimenti volti a promuovere la sostenibilità e la competitività sui mercati internazionali per il restante 50%.

Ai fini dell’ammissibilità all’Intervento l’Impresa Richiedente:

  • dev’essere una PMI o una Mid Cap con sede legale in Italia che, al momento della Domanda, abbia la forma di società di capitali da almeno due esercizi;
  • deve aver depositato presso il Registro imprese almeno due bilanci relativi a due esercizi completi (si considera completo un esercizio di 12 mesi interi). I bilanci devono riguardare lo stesso soggetto richiedente (identificato dal codice fiscale);
  • deve avere un Fatturato Estero la cui media degli ultimi due esercizi sia almeno il 20% del fatturato aziendale totale, oppure pari ad almeno il 10% del fatturato aziendale dell’ultimo bilancio depositato;
  • alla data di presentazione della Domanda non dev’essere coinvolta in una procedura concorsuale (non deve pertanto essere soggetta ad alcuna procedura concorsuale, né deve aver presentato domanda per una procedura concorsuale), non deve essere nelle condizioni perché una tale procedura possa essere richiesta nei suoi confronti, non deve essere in stato di scioglimento o liquidazione volontaria, non rientrare nella categoria di scoring A5;
  • non deve rientrare nei Settori esclusi – salvo quanto indicato al punto successivo – e nelle Attività e attivi esclusi;
  • qualora, sia attiva solo in via secondaria nei Settori esclusi – e a tal fine, si farà riferimento ai settori come indicati alla CCIAA – dovrà rilasciare una “Dichiarazione dell’Impresa Richiedente attestante che l’Intervento non riguarda i Settori esclusi” sulla base del format di cui al Paragrafo Allegati della presente Circolare.

Finanziamento a tasso agevolato in regime “de minimis” con co-finanziamento a fondo perduto in regime di Temporary Framework, con l’obiettivo di sostenere gli investimenti volti a favorire la Transizione Digitale (almeno il 50% del totale del finanziamento) ed Ecologica delle imprese e promuoverne la competitività sui mercati esteri.

Importo massimo finanziabile: fino a € 1.000.000, comunque non superiore al 25% dei ricavi medi risultati dagli ultimi due bilanci approvati e depositati dall’impresa. Se sei un’impresa che ha già presentato una richiesta di finanziamento per Transizione Digitale ed Ecologica, potrai inviare una seconda domanda per un importo a concorrenza del massimale di € 1.000.000.

Quota massima a fondo perdutofino al 40% per le imprese del Sud, fino al 25% per le restanti imprese. La quota di co-finanziamento a fondo perduto è concessa, in ogni caso, nei limiti dell’importo massimo complessivo di agevolazione in regime di Temporary Framework per impresa.

Durata del finanziamento: 6 anni, di cui 2 di pre-ammortamento.

Le spese ammissibili e finanziabili sono rispettivamente:

1. Spese per la Transizione Digitale che dovranno rappresentare almeno il 50% delle Spese Ammissibili finanziate:

  • integrazione e sviluppo digitale dei processi aziendali;
  • realizzazione/ammodernamento di modelli organizzativi e gestionali in ottica digitale;
  • investimenti in attrezzature tecnologiche, programmi informatici e contenuti digitali;
  • consulenze in ambito digitale (i.e. digital manager);
  • disaster recovery e business continuity;
  • blockchain (esclusivamente per la notarizzazione dei processi produttivi e gestionali aziendali);
  • spese per investimenti e formazione legate all’industria 4.0 (es. cyber security, big data e analisi dei dati, cloud e fog computing, simulazione e sistemi cyber-fisici, sistemi di visualizzazione, realtà virtuale e realtà aumentata, robotica avanzata e collaborative, manifattura additiva, internet delle cose e delle macchine).

 

2. Spese per la sostenibilità e l’internazionalizzazione che dovranno rappresentare non più del 50% delle Spese Ammissibili finanziate:

  • spese per investimenti per la sostenibilità in Italia (es. efficientamento energetico, idrico, mitigazione impatti climatici, ecc.);
  • spese per internazionalizzazione (es. investimenti per una singola nuova struttura commerciale in un paese estero, consulenze per l’internazionalizzazione, spese promozionali e per eventi internazionali in Italia e all’estero, spese per certificazioni di prodotto e registrazione del marchio, ecc.);
  • spese per valutazioni/certificazioni ambientali inerenti il finanziamento, ivi incluso le eventuali spese per le verifiche di conformità agli Orientamenti tecnici della Commissione Europea (2021/ C 58/01) sull’applicazione del principio “non arrecare un danno significativo” (“Do no significant harm – DNSH) ai sensi dell’articolo 17 del Regolamento (UE) 2020/852.

 

Vuoi partecipare? Contattaci

Per richiedere informazioni o partecipare compila il form di seguito. Verrai ricontattato da un nostro consulente.