Chiama T. 030 5356529
Piano Transizione 5.0

Transizione 5.0: ultime novità del decreto attuativo

Scopri le ultime novità sul decreto attuativo del Piano Transizione 5.0. Tutte le informazioni utili per la transizione energetica. Leggi di più su come ottenere i crediti d'imposta finanziati dal PNRR.

Il Ministero delle Imprese e del Made in Italy ha presentato la bozza del decreto attuativo per il piano Transizione 5.0, ora in esame al Ministero dell’Economia. Questo decreto, composto da 23 articoli e allegati, stabilisce le regole per l’accesso ai crediti d’imposta finanziati dal PNRR con 6,3 miliardi di euro.

L’obiettivo principale è fornire supporto alle imprese italiane che, nel corso del 2024 e 2025, intraprenderanno investimenti in nuove strutture produttive sul territorio nazionale, orientati alla riduzione dei consumi energetici.

I beneficiari

Il credito d’imposta transizione 5.0 è disponibile per tutte le imprese residenti in Italia e per le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente dalla forma giuridica, settore economico, dimensione o regime fiscale. Le imprese che effettuano nuovi investimenti in strutture produttive nel territorio italiano negli anni 2024 e 2025, nell’ambito di progetti di innovazione che portano a una riduzione dei consumi energetici, possono beneficiare del piano transizione 5.0.

Incentivi e tempistiche

I progetti di innovazione avviati dal 1° gennaio 2024 al 31 dicembre 2025 possono beneficiare dei crediti d’imposta. Questi progetti devono prevedere investimenti in beni materiali ed immateriali nuovi strumentali alla digitalizzazione, mirati a ridurre i consumi energetici della struttura produttiva del 3% o dei processi del 5%.

L’incentivo è differenziato in ragione del risparmio energetico previsto, sulla base delle seguenti aliquote:

  • tra il 35% e il 45% fino a 2,5 milioni di euro
  • dal 15% al 25% da 2,5 a 10 milioni di euro
  • dal 5% al 15% da 10 a 50 milioni di euro.
Scadenze

La data di avvio del progetto di innovazione è intesa come la data del primo impegno giuridico, oppure qualsiasi altro tipo di impegno che renda irreversibile l’investimento stesso.
Il completamento del progetto è identificato con la data dell’ultimo investimento che lo compone.

Per i beni digitali e rinnovabili seguono le regole del TUIR art. 109.
Per i beni destinati all’autoproduzione di energia da fonti rinnovabili destinati all’autoconsumo, si considera la data di fine lavori.
Per quanto riguarda invece le attività di formazione, fa fede la data del rilascio dell’attestato finale.

 

Vincoli e Deroghe

Transizione 5.0 introduce deroghe significative per le imprese dei settori energivori, mantenendo in linea generale i vincoli UE ma offrendo flessibilità per attività legate a combustibili fossili, emissioni di gas serra, discariche, inceneritori e rifiuti speciali pericolosi.

Le imprese in concessione possono beneficiare dei crediti d’imposta se gli investimenti sono obbligatori per l’ente pubblico concedente e non comportano rischi economici.

Formazione 5.0

Il beneficio per la formazione sulla transizione energetica è limitato al 10% degli investimenti in beni strumentali, fino a un massimo di 300.000 euro. Sono agevolabili corsi di formazione di almeno 12 ore, anche online, con attestazione finale erogati da enti formativi dotati di particolari requisiti.

Utilizzo credito d’imposta

Il credito d’imposta può essere utilizzato esclusivamente in compensazione fino al 31 dicembre 2025. La compensazione è possibile cinque giorni dopo la trasmissione dell’elenco delle imprese beneficiarie da parte di GSE all’Agenzia delle Entrate. Se al 31 dicembre 2025 l’ammontare non è completamente utilizzato, può essere riportato in avanti e utilizzato in cinque quote annuali di pari importo.

È importante notare che il credito d’imposta non può essere ceduto o trasferito e non concorre alla formazione del reddito né della base imponibile dell’imposta regionale sulle attività produttive (IRAP).

 

 

Se vuoi scoprire le altre novità sulle agevolazioni e i bandi per le imprese, visita e mantieniti aggiornato sulla nostra sezione    Finanza Agevolata

contattaci per maggiori dettagli:

 

innovare.it     –     Mail:  agevolata@innovare.it     –      Tel. 030 5356529 interno 3

Condividi:

C'è un mondo di opportunità che ti aspetta: trovale con noi